Bio

Nel 2021 ho autoprodotto la graphic novel Io non sono io.

Dal 2021 collaboro con la rivista Quasi, per la quale realizzo periodicamente la striscia Vertigini, illustro ogni tanto le storie di Francesco Pelosi.

Nel 2021 collaboro con la galleria on-line Cell che mi dedica una pagina. Qui le mie illustrazioni da loro ospitate.

Nel 2021 partecipo al Milan Machinima Festival con il documentario “Decostruire l’algoritmo. Machinima di Donna”.

Dal 2020 collaboro con la pagina Facebook di Pasionaria.it per la quale realizzo periodicamente vignette a tema femminismo intersezionale. Potete vederle qui.

Nel 2020 partecipo a FASCinA (Forum Annuale delle Studiose di Cinema e Aduovisivi) con il documentario “Decostruire l’algoritmo. Machinima di donna”.

Dal 2019 collaboro con l’associazione culturale Crunched per la quale realizzo illustrazioni e recensioni illustrate.

Nel 2020 ho realizzato le animazione per il cortometraggio collettivo Fear Window a cura di Lucia Cardone e Luisa Cutzu in occasione del laboratorio di offi_CINE della cattedra di Storia e Critica del cinema del Dipartimento di Scienze Umanistiche e Sociali di Sassari.

Dal 2019 al 2020 ho lavorato ai design di alcune stampe di Heya Store. Potete vederne qualcuno qui.

Su Pulp Libri, Sara Pavan parla del potere sovversivo dell’autoproduzione e mi cita.

Qui Massimo Galletti scrive una recensione su Io non sono io per Quasi.

Qui Ombretta Blasucci scrive una recensione su Io non sono io per Crunched.

Qui una mia intervista per Crunched.